CUbE (Continental Urban mobility Experience) il taxi elettrico firmato Continental

Continental entra a far parte della schiera dei costruttori che si affacciano sul mondo dei veicoli senza conducente, sviluppando soluzioni applicabili alle aree urbane. Secondo le analisi di Continental, i taxi robot offriranno una soluzione efficace alle congestioni del traffico, con una conseguente diminuzione degli incidenti, dell’inquinamento dell’aria e dei problemi di parcheggio.

Secondo uno studio dell’ONU del 2014, due terzi della popolazione mondiale vivrà nelle città entro il 2050 e, sempre stando allo studio, sarà alla guida di un auto.  Tuttavia, sarebbe forse più preciso affermare che starà cercando di guidare un auto, visto che le statistiche globali sul traffico ci dicono che la mobilità individuale nelle città sarà molto limitata. La velocità media a Londra, ad esempio, è stata di soli 7,8 miglia all’ora nel 2016. Gli incidenti, le emissioni, la perdita di tempo, i  noti problemi  di parcheggio e lo stress sono le conseguenze sempre presenti di questa concentrazione di traffico nelle aree urbane.

Per Continental il futuro della mobilità individuale nelle città è autonomo ed elettrico e diventerà parte dell’economia condivisa. Secondo uno studio della società di consulenza Roland Berger, i veicoli senza conducente rappresenteranno circa un quarto dei servizi di trasporto entro il 2030, e questa potenziale rivoluzione nel mondo dell’industria automobilistica è stata lo stimolo per Continental ad investire nel settore della guida autonoma.

Il primo risultato di questo impegno è un veicolo dimostrativo per consentire la mobilità senza conducente, soprattutto nelle città. Il veicolo, chiamato CUbE ( Continental Urban mobityity Experience), sta seguendo un periodo di test nella sede di Continental di Francoforte, la quale ospita un’infrastruttura stradale simile ad una città con tanto di  segnaletica stradale, traffico, attraversamenti pedonali e, naturalmente delle curve.  L’idea di Continental è che :”È molto più intelligente che i veicoli senza conducente siano operativi il più possibile, rispetto ad avere innumerevoli auto private che hanno una media di 23 ore al giorno di fermo, occupando uno spazio prezioso che forse potrebbe essere utilizzato per parchi e campi sportivi. ”

Ad esempio, a Berlino, circa 3,5 milioni di cittadini trascorrono in media 70 minuti al giorno nel traffico – e questo include tutte le modalità di trasporto utilizzate, inclusi i trasporti pubblici. Nella vita quotidiana di Berlino, nella maggior parte dei casi quindi l’automobile è semplicemente un veicolo a corto raggio, poco utilizzato e che rimane parcheggiato per la maggior parte del tempo. Durante il loro utilizzo, in media, le auto trasportano solo 1,3 persone a bordo. La distanza media giornaliera percorsa da un cittadino di Berlino nel traffico – distribuita su una media di tre viaggi al giorno – è di un totale di 20,2 chilometri. Per Continental risulta evidente che per questo tipo di mobilità, i taxi senza conducente ed elettrici sarebbero una soluzione ideale riducendo drasticamente il traffico individuale nelle grandi città.

Anche gli interni dei veicoli subiranno una riprogettazione, “In futuro le automobili saranno molto più di un mero mezzo di trasporto. I passeggeri che utilizzeranno i mezzi autonomi lo faranno essenzialmente per riposare, comunicare o lavorare. L’uomo del futuro in macchina farà cose diverse dal guidare”.

Continental proporrà una dimostrazione di CUbE durante il Salone Internazionale dell’Automobile, di Francoforte sul Meno (Hall 5.1 Booth A07 / A08) in settembre di quest’anno.

Fonte: https://www.continental-corporation.com/en/press/press-releases/cube-technologies-74492

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *