Microsoft AirSim, simulatore di volo per droni autonomi, rilasciato con licenza Open Source

Microsoft ha rilasciato una versione beta di un sistema virtuale per l’apprendimento e la formazione dei droni autonomi, oltre che ad altri gadget con capacità di movimento autonomo. Il software che è disponibile su GitHub, ricrea, con dettagli realistici, le condizioni ambientali del mondo reale come le ombre, i riflessi ed altre caratteristiche che potrebbero creare confusione ai sistemi autonomi, ovviamente senza i rischi dell’ambiente esterno.

Il rilascio del software da parte di Microsoft spinge l’azienda a sperare che questo aiuti  una certa “democratizzazione della robotica” , permettendo ai singoli individui, ai ricercatori ed alle aziende di testare i propri sistemi di automazione, abbattendo di fatto le difficoltà di accesso a risorse che altrimenti sarebbe impossibile ottenere. Ma perchè testare i droni in un sistema virtuale invece di quello reale? Principalmente perchè è conveniente, si pensi ad istruire un vero drone in un ambiente reale, prima che il sistemi impari ad evitare i muri o gli ostacoli fisici ci andrà a sbattere contro procurando nei migliori dei casi solo qualche ammaccatura, eseguendo invece questo procedimento in un ambiente virtuale l’unica cosa che si andrà a perdere sarà il tempo e la corrente elettrica per alimentare il PC.

Peraltro, l’ambiente simulato permette di incrementare il volume e la velocità degli scenari di test e di apprendimento rendendo il metodo più efficiente. Per fare tutto ciò però il sistema dev’essere molto accurato, Microsoft afferma che il simulatore si avvantaggia dei più recenti sistemi di tecnologia grafica per rendere più accurata la versione virtuale del mondo con dettagli come ombre,  bagliori del sole, foschia, pozzanghere e cosi via.

Il sistema può inoltre essere utilizzato per testare altri sistemi di guida autonoma oltre a quello dei droni, il ricercatore Ashish Kapoor di Microsoft afferma che può essere applicato ad altre tipologie di robot che necessitano di apprendere come muoversi all’interno dell’ambiente, come ad esempio le auto senza pilota.

Il sistema attualmente è disponibile solo per Windows ma a breve lo sarà anche per Linux, come per il simulatore di Unicity, sono disponibili anche alcuni filmati dimostrativi:

 

Fonte: https://github.com/Microsoft/AirSim

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *