Intel acquisisce il 15% di HERE, nasce una stretta collaborazione tecnologica per la creazione di mappe per i veicoli driverless e l’IOT

Intel ha accettato di acquisire una quota di proprietà del 15 per cento di HERE.

Here è un fornitore globale di mappe digitali e servizi, da alcuni azionisti indiretti: AUDI AG, BMW AG e Daimler AG. In concomitanza con l’acquisizione di Intel di una partecipazione in HERE, le due società hanno firmato un accordo di collaborazione sulla ricerca e lo sviluppo di un’architettura altamente scalabile che supporta aggiornamenti in tempo reale ad alta definizione (HD) delle mappe per sistemi automatizzati di guida. “Le automobili stanno rapidamente diventando alcuni dei dispositivi più intelligenti e connessi al mondo,” ha dichiarato Brian Krzanich, CEO di Intel. “Non vediamo l’ora di lavorare con HERE ed i suoi partner in ambito automobilistico per fornire un importante base tecnologica per le auto intelligenti e connesse del futuro.”

“Una rappresentazione in tempo reale, e ad alta definizione del mondo fisico è fondamentale per la guida autonoma, ed il raggiungimento di questo obiettivo richiederà piattaforme di calcolo molto più potenti e capaci nei veicoli”, ha detto Edzard Overbeek, CEO di HERE. “Come uno dei principali fornitori di silicio, Intel può contribuire ad accelerare questo settore, favorendo la creazione di una piattaforma di posizionamento digitale universale, sempre aggiornata, collegata al veicolo ed alla rete.”

L’architettura contribuirà a rendere la guida autonoma sicuro e prevedibile il più possibile. Ad esempio, la tecnologia di navigazione odierna può individuare la posizione di una macchina con uno scarto di pochi metri, ma la prossima generazione, la mappatura HD supporta la localizzazione con la precisione al centimetro. Questo aiuterà i veicoli nel posizionarsi con precisione sulla carreggiata ad attivare la funzionalità di guida autonoma in maniera affidabile. HERE HD Live Map, è il servizio cloud di supporto all’automazione del veicolo, dà ai mezzi la capacità di “vedere” gli ostacoli oltre il loro immediato campo di visione e di ricevere aggiornamenti in tempo reale sui cambiamenti ambientali a causa del traffico, le condizioni stradali e di altri fattori.

Fonte: https://here.com/en/company/newsroom/press-releases/2017-03-01

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *